Pagina:Salgari - La Città dell'Oro.djvu/245

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La cataratta di Ature 237

— Solo Yaruri lo sa — rispose don Raffaele.

— È necessario passare ancora dinanzi alle foci di molti fiumi — disse l’indiano. — Il Venituari è ancora assai lontano.

— Adunque è sul Venituari questa Manoa? — chiesero tutti ad una voce.

— Sì, — rispose Yaruri, — ma lontano dalla foce, verso il sole che si leva, fra montagne a tutti sconosciute.

— Ma il luogo preciso?

— A suo tempo lo saprete.

— Diffidi di noi? — chiese don Raffaele.

L’indiano non rispose.

— Parla, Yaruri.

— A suo tempo — ripetè l’indiano. — Partiamo!...

Don Raffaele, ben sapendo che non sarebbe riuscito a levare una parola di più a quell’indiano, ordinò di spiegare le vele, non volendo lasciare troppo tempo ai misteriosi individui che lo precedevano e che ormai, veduto fallire il tentativo, dovevano essersi rimessi in viaggio.

Il vento però era debole assai e non soffiava che ad intervalli. Era molto se la scialuppa poteva guadagnare due miglia all’ora, anche in causa della corrente che era più rapida per la vicinanza della cateratta.