Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Solo al capo Horn se ne sono osservate di quelle che toccavano i trenta metri, ma sono eccezioni.

– Allora come spiegate la formazione di montagne di ghiaccio d'una simile altezza? – chiese Ollier, che non riusciva a raccapezzarsi.

– Nelle vostre montagne non vi sono dei ghiacciai?

– Sì, signor tenente, ed in gran numero.

– Ebbene, anche nelle terre polari ve ne sono e forse più immensi, poiché se ne sono veduti di quelli che misuravano perfino cento chilometri di larghezza, specialmente nella Groenlandia.

– Altro che quelli delle nostre Alpi!... – esclamò la guida.

– Sono quei fiumi di ghiaccio che vomitano in mare quelle enormi montagne, che poi le correnti ed i venti spingono verso il sud. Ghiacciai ve ne sono un po' dappertutto: allo Spitzbergen, alla Nuova Zembla, alla Terra di Francesco Giuseppe, in Groenlandia e sulle isole siberiane, senza contare quelli che vi sono sulle isole settentrionali dell'America.

– E queste montagne di ghiaccio scendono tutte verso il sud?

– No, girano attorno al polo, andando da oriente ad occidente.

– Credete che vi siano altre terre verso il polo, oltre quelle scoperte?

– Lo si suppone. I geografi ed i naviganti credono che intorno al polo si estenda una vasta terra, la quale separerebbe il bacino polare in due parti distinte, di cui una, l'europea-asiatica, sarebbe stata toccata dal Fram di Nansen e l'altra, più isolata, più fredda, coperta di ghiacci più spessi, si estenderebbe al nord dell'America.

– Sicché intorno al polo, durante l'inverno non si avrebbe una medesima temperatura.

– No, e la regione più gelida si troverebbe verso le isole dell'America settentrionale, nell'arcipelago di Parry.

– Credete, signor tenente, che questi ghiacci abbiano qualche influenza sui nostri inverni?

– Certamente – rispose l'ufficiale. – Dalla maggiore o minor quantità di ghiacci che scendono dal nord, dipendono i nostri inverni, dolci quando i ghiacci sono pochi, rigorosi quando sono abbondanti. Al di sopra di queste distese di ghiaccio, che coprono una