Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


neralmente non hanno molta elevazione. Se non hanno però l'orrido selvaggio, quali scene incantevoli presentano quei fjords!... In taluni punti il mare pare che penetri nel cuore delle montagne e producono un effetto stranissimo i vascelli che navigano quasi fra le boscaglie, come se invece di scendere verso il mare corrano a raggiungere le più alte cime delle Alpi norvegesi.

S. A. R. il Duca, Cagni ed i loro compagni, non si saziavano mai di ammirare quelle bellezze e per delle ore intere rimanevano in coperta, coi cannocchiali in mano, intenti a scoprire i fjords che apparivano attraverso gli strappi della costa.

Anche le quattro guide alpine, che già cominciavano ad abituarsi al rollìo ed al beccheggio della nave e ad ammirare il mare, di rado abbandonavano la coperta, compiacendosi di quelle vedute. I loro