Pagina:Salgari - La Stella Polare.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


sguardi però cercavano di preferenza le vette delle montagne che si disegnavano in lontananza, al di là dei fjords.

Su quelle spiagge molte navi s'incrociavano colla Stella Polare e talune, riconoscendola, salutavano ammainando tre volte le bandiere, gentile saluto a cui subito rispondeva il Duca.

Anche una baleniera, riconoscibile per i suoi fornelli situati a poppa e pel numero delle sue scialuppe, fu raggiunta. Era un piccolo legno, a due alberi, dalla prora tagliente, con uno sviluppo straordinario di vele.

– Mi sembra l'Herta – disse il capitano Evensen, dopo d'averla osservata attentamente. – Parte un po' tardi, a dire il vero, però farà egualmente buona caccia. Il capitano Ole Förgensen è un lupo di mare che sa sempre cavarsela bene.1

– Una delle nostre navi? – chiese l'ingegnere Stökken.

– È di Sandyfjord, cioè della mia città natale – rispose il capitano. – La conosco benissimo; è la più piccola delle navi baleniere, non stazzando più di duecentocinquanta tonnellate.

– Con venticinque uomini d'equipaggio, capitano – disse Andresen, il giovane mastro, che stava chiacchierando con le quattro guide alpine e con Cardenti.

– Ciò vuol dire che ve ne sono altre più grandi – disse l'ingegnere.

– La maggiore era questa, la Stella Polare, parlando sempre delle navi baleniere a vapore. Ora è il Niord d'Oremberg, poi vengono il Viking, quindi la Cappella, che probabilmente incontreremo più tardi nelle acque della Terra di Francesco Giuseppe.

– Dove andrà l'Herta a cercare i grandi cetacei? – chiese l'ingegnere.

– Sulle coste nord-est

  1. A bordo dell'Herta si era pure imbarcato un ufficiale della marina italiana, il signor Giulio Schok, il quale fece parte della campagna di pesca, tornando poi con l'incrociatore norvegese Heimdal.