Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/215

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


– Vi comprendo – disse l'insorto, ridendo. – Pardo è furbo e si prenderà l'Yucatan, le armi, le munizioni e l'equipaggio.

– Lo spero.

– Signor tenente, da quando navigate?...

– Da ieri sera; abbiamo lasciato le coste di Cuba prima del tramonto.

– Allora v'invito a colazione.

– Un uomo di mare non si rifiuta mai, signor Guaymo – rispose Cordoba. – E la marchesa?

– La vedremo più tardi.

– Si trova qui?

– Laggiù, in quella piccola costruzione che vedete all'estremità della stecconata.

– Sarà ben guardata.

– Da quattro uomini risoluti.

– Signor Guaymo, andiamo a far colazione. Stamane ho messo sotto i denti un solo biscotto bagnato in un bicchiere di pessimo Xeres.

Il capo insorto introdusse Cordoba in una stanzetta che si trovava al pianterreno, dove si vedeva una tavola già pronta, essendo quasi mezzodì.

Un giovane negro stava collocando degli altri tondi mentre un giovane mulatto portava delle bottiglie abbastanza polverose, che avevano delle etichette promettenti: Porto, Xeres ed Alicante.

– Signori miei, vi accontenterete di quello che può offrire un villaggio povero come San Felipe – disse il signor Guaymo. – Voi sapete d'altronde che gl'insorti sono d'una frugalità ormai proverbiale.

– E le genti di mare sanno adattarsi a tutto – rispose Cordoba.

Si sedettero; il tenente vicino al capo insorto, il quale dall'altra parte aveva il soldato spagnolo, ed il signor Del Monte fra i due marinai. Il cubano avrebbe forse desiderato trovarsi un po' lontano dai due erculei guardiani, ma Cordoba con un gesto minaccioso gli aveva già assegnato il posto.

Un robusto negro che pareva fosse un cuoco, si affrettò a servire ai commensali dei filetti di testuggine annegati in una certa salsa assai pimentata, poi un paio di anitre selvatiche sapientemente preparate e bene arrostite, quindi delle frutta ed eccellente caffè, vero San Domingo.

Tutti fecero onore al pasto, anche il cubano, non ostante il suo cattivo umore; poi fra un bicchiere di Porto ed uno di Xeres, la conversazione si riaccese vivissima.

Il capo insorto che pareva molto bene informato degli ultimi avvenimenti accaduti sulle coste di Cuba, informò minutamente Cordoba delle operazioni guerresche delle flotte americane, operazioni limitatissime d'altronde, non avendo intrapreso fino a