Pagina:Salgari - La capitana del Yucatan.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


qualche palla o qualche obice, mal diretti, cadevano nelle sue acque o passavano a breve altezza dalla sua coperta.

Già Colon, che si trovava a prora, cominciava a distinguere confusamente la bocca del canale, indicata da alcuni fanali che parevano fossero stati accesi alla base del forte del Morro e sui bastioni della batteria de la Estrella.

– Barra a tribordo, marchesa! – gridò. – Il canale ci sta dinanzi.

– Cordoba, lancia alcuni razzi!... – comandò donna Dolores.

Alcuni marinai, ad un grido del tenente, diedero fuoco a tre razzi, mentre altri accendevano frettolosamente i fanali di babordo e di tribordo.

Quasi subito un grande fascio di luce, che veniva proiettato dal centro della baia, cadde sull'Yucatan, mentre due contro-torpediniere, comparse improvvisamente in mezzo al canale, puntavano le loro artiglierie.

Un grido immenso s'alzò fra i marinai delle piccole navi:

– L'Yucatan!... L'Yucatan!...

Quasi nel medesimo istante tremende detonazioni scoppiarono al largo. La flotta americana aveva solo allora scorta la piccola nave e apriva contro di essa un fuoco infernale, ma ormai era troppo tardi.1

L'Yucatan si era cacciato audacemente nel canale filando fra le due contro-torpediniere, i cui equipaggi, entusiasmati dall'improvvisa comparsa della piccola nave che ormai credevano perduta, mandavano strepitosi urrah.

– Sempre a levante! – avevano urlato i comandanti delle due torpediniere.

La marchesa, sapendo che dovevano esservi delle torpedini immerse nel canale, strinse sotto la costa passando dinanzi alle batterie de la Estrella i cui cannonieri, dall'alto dei bastioni, la salutavano con entusiastiche grida.


CAPITOLO XXXI.


Il bombardamento di Santiago.


Santiago è la seconda città di Cuba per numero di popolazione, per importanza ed anche per fortificazioni.

Essa è situata sulla costa sud-est dell'isola, a breve distanza dai primi contrafforti della Sierra Maestra, a circa quattrocentocinquanta miglia dall'Avana prendendo la via di terra ed a cin-

  1. Gli americani avevano scambiato l'Yucatan per la contro-torpediniera spagnola il Terror, che era rimasta alla Martinica per sorvegliare una nave americana colà rifugiata e torpedinarla. Pretesero anzi di averla polverizzata con una granata della corazzata Oregon, confessando però di non aver trovato alcun rottame, né alcuno dei 67 uomini che la montavano.