Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xi — l'urto del wacke 87


– Contate su qualche urto formidabile?

– Sì, professore. Quella barriera a poco a poco andrà ad appoggiarsi contro i banchi che si sono formati attorno all’isola e terrà testa al nostro wacke senza retrocedere.

– Ma la nostra nave, nello sconquasso che subirà il wacke, non verrà schiacciata?

– Non credo, poichè il ghiaccio del bacino non è ancora tanto grosso da poter resistere ad una improvvisa compressione. Si spezzerà subito e la Torpa tornerà a galleggiare.

– E potremo poi uscire, fra tanti ghiacci spezzati?

– Lo tenteremo, professore. Forzeremo il passo a gran colpi di sperone, ed il nostro equipaggio, che è così numeroso, aiuterà la Torpa colle seghe, coi picconi e colle mine.

– Che bella sorpresa pel signor Foyn, se fra un paio di settimane ci vedesse ritornare a Vadsò!

– Lo credo. Toh... cosa vedo laggiù?

– Dove?

– Sui banchi dell’isola degli Orsi disse Tompson, che aveva puntato il cannocchiale.

– Qualche nave forse?

– No, un grande numero di punti neri. O io m’inganno di molto o quei punti neri sono trichechi o foche.

– Sono molti?

– Moltissimi, professore. Ah!...

– Cosa avete?

– Guardate!... Guardate fra quegli ice-bergs, professore! esclamò Tompson, che erasi alzato sulla punta dei piedi per meglio vedere. Mille boccaporti!... Ed essere qui imprigionati, mentre laggiù ci sarebbe da guadagnare una fortuna!...