Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo viii – i naufraghi della «tornea» prigioniera 65


quindi procedere con maggior lestezza ed evitare più facilmente i pericoli.

I ventisei uomini, radunatisi alla base dell’isola rocciosa, si misero animosamente in marcia inoltrandosi nell’Eis-fiord, il quale era ormai tutto coperto di ghiaccio.

Il vecchio marinaio guidava i due drappelli in compagnia del baleniere e di Oscar.

Essendo i banchi quasi lisci e ben uniti, la marcia non presentava difficoltà, ma la neve rendeva malagevole l’avanzarsi delle slitte, quantunque Tompson avesse prima fatti spalmare i pattini con un miscuglio di zolfo e di grasso.

Mentre procedevano attraverso ai ghiacci, il vecchio marinaio raccontava al capitano e ad Oscar la storia della doppia catastrofe, che aveva costato la vita ad uno dei due comandanti ed a trentasette uomini.

La Tornea ed il Gotheborg avevano navigato assieme fino nei pressi delle coste meridionali delle Spitzberg, seguendo le tracce delle balene. Avendo osservato che in quei paraggi abbondavano i banchi di boete,1 cibo prediletto dei giganti del mare, si erano spinti fino a quelle alte latitudini.

Il 24 agosto avevano già preso due balene, quando le due navi si videro assalite da un furioso uragano che veniva dal nord, il quale spingeva innanzi a sè gran numero di ice-bergs, di palks e di streams. La Tornea, dopo una notte orribile, era stata imprigionata fra i ghiacci. Avendo cercato di rompere il cerchio che la stringeva sempre più, era andata a dare di cozzo contro un ice-berg male equilibrato.

  1. Piccolissimi granchi che si radunano in grandi estensioni.