Pagina:Salgari - Nel paese dei ghiacci.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo ix — il ritorno 75


– Sì, professore, rispose Tompson.

– Ma il banco mi pare che scenda verso il sud.

– La corrente ed i venti lo spingono in direzione dell’isola degli Orsi.

– Ed in sei ore ci siamo allontanati dall’Eis-fiord di quattro miglia aggiunse l’ice-master.

– Che una corrente scenda lungo le coste occidentali delle Spitzberg? chiese Oscar.

– Sì signore, disse Jansey. L’ho notata anche l’anno scorso, durante la stagione della pesca.

– E avete rilevata la sua direzione?

– Sì, professore. Si dirige verso il sud-sud-ovest, e sarei certo di non ingannarmi nell’affermare che va a rompersi verso le coste occidentali della Norvegia.

– Buono disse Tompson. Se il wacke non viene arrestato da altri banchi o non viene spezzato, andremo a finire sulle coste della Norvegia. Sarebbe un ritorno molto lento, è vero, ma sempre da preferirsi ad uno svernamento alle Spitzberg.

– Purchè le pressioni non ci guastino la nave, disse Jansey. Non c’è da fidarsi dei ghiacci.

– Cercheremo di mantenere libero il bacino, finchè lo potremo. Intanto prenderemo le misure necessarie per lo svernamento, perchè prevedo che la nostra prigionia sarà ben lunga e che i grandi freddi non tarderanno a giungere. Quest’anno la stagione buona si è prolungata fin troppo e l’inverno prenderà la sua rivincita senza misericordia per noi.

– Comincia già ora il tempo mettersi a male, disse Oscar. In dodici ore il termometro è disceso di dieci gradi.

– A bordo, signori, disse Tompson. Prima che il bacino del wacke geli, bisogna che la nave sia in grado di poter resistere alle pressioni.