Pagina:Salgari - Sul mare delle perle.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cap. xi. — il capitano della guardia 161


— Fino ad ora sì.

— E cammineranno meglio ancora, te lo assicuro. Hai veduto dove hanno messo il ragazzo?

— Occupa una tenda vicina a quella del marajah.

— Che paura ha di perderlo!

— Da quel fanciullo dipende la sua corona, signore.

— Gli prenderemo l’uno e l’altra, — rispose Jean Baret.

— Vi sono molte guardie.

— Approfitteremo di qualche trambusto per tentare il colpo. Ho un certo progetto pel capo! Gli elefanti! Bravi animali, quando non diventano furiosi!

— Che cosa c’entrano gli elefanti col fanciullo, signore? — chiese il capitano, che aveva ascoltato il dialogo senza prendervi parte.

— A suo tempo ve lo dirò. Eccellente questo cosciotto di antilope! Avete un cuoco famoso, capitano. E quest’anitra in salsa di banani! Ah! Squisita! Gli elefanti! Brave bestie, sì, bravissime!

— L’avete con quei colossi questa sera, — disse il capitano, ridendo.

— Sono entusiasmato di loro.

— Mi immagino che si tratti invece d’altro. Voi pensate a giuocare qualche tiro birbone a quegli animali.

— Silenzio, capitano. Non è ancora il momento di parlare. Seguo un’idea che darà risultati stupefacenti e che farà ridere molto Amali.

Terminata la cena, il francese e Durga fecero