Pagina:Salgari - Un dramma nell'Oceano Pacifico.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l'arcipelago di figii. 85


quanto pareva, a studiare la costa dell’isola che cominciava a diventare visibile, avvicinandosi l’alba.

— Al mio posto cosa faresti? — gli chiese.

Il naufrago guardò il ponte della nave, guardò le onde che venivano a morire contro i bordi, corrugò due o tre volte la fronte, poi disse:

— Aspetterei un’alta marea, poichè le maree ordinarie sono deboli nell’Oceano Pacifico.

— Mi toccherà aspettare quattro giorni.

— Quando avverrebbe questa grande marea?

— Alla mezzanotte di sabato, e oggi è martedì. Credi che gettando delle ancore a poppa e alando al molinello la nave possa scagliarsi?

— Non lo credo, poichè noi riposiamo su di un fondo roccioso. Se si trattasse d’un banco di sabbia la nave potrebbe scivolare; ma questi banchi sono tutti di natura vulcanica o corallifera e per lo più scabrosi.

— In questo frattempo i selvaggi ci lasceranno tranquilli?

— Avete udito poco fa le loro grida? Erano grida di guerra, e vedrete che appena il mare si sarà calmato, essi verranno sulle loro canoe.

— E sia, ma troveranno pane pei loro denti. Conosco anch’io i selvaggi del Grande Oceano, e sono stato più volte da loro attaccato, ma ho sempre trionfato.

— State in guardia, signore, poichè i Figiesi sono molto coraggiosi e molto astuti. Non verranno subito con intenzioni ostili; anzi cercheranno di acquistare prima la vostra fiducia per poter salire a bordo, vi faranno offerte di pace e anche vi manderanno dei viveri e dei regali, ma poi piomberanno addosso al vostro equipaggio a tradimento, e se non sarete pronto, stermineranno tutti noi.