Pagina:Satire (Giovenale).djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42 satire

Pei nostri Municipi e pei villaggi,
Andâr famosi, indiavolata orchestra
Facendo a saltatori e giocolieri.
Or essi, a spese lor, giuochi e spettacoli
Danno; e col fin d’ingrazionirsi il popolo,
Sol ch’egli diane un cenno pur col pollice,1
Ammazzan chicchessìa: poi di là reduci
Vanno a dir sopra alle latrine pubbliche:
Anzi ne fan di tutte: e che miracolo?
Non son essi di quelli che dagl’infimi
Solleva la fortuna ai gradi massimi,
Quando un poco di spasso si vuol prendere?
    Che debbo io fare in Roma? a dir bugìe
Non ci ho la gamba; nè lodar, nè chiedere
Un libraccio non so; d’astrologia
Non me n’intendo un fico; ad un figliuolo
Predir del padre suo la pronta morte
Non mi dà il cor; gl’entragni delle bòtte
Non ho studiato mai. Del cicisbeo
I messaggi e i regali all’altrui donna
Recar sappian pur gli altri; ai ladri il sacco

caricamento di la:Page:Satire (Giovenale).djvu/154 in corso... Loading.gif

  1. [p. 177 modifica]Quando un gladiatore era ferito domandava grazia della vita a chi soprintendeva allo spettacolo, e questi consultava il popolo; il quale assentiva o dissentiva secondo che mostrava la mano col pollice piegato, o ritto e rivolto verso il gladiatore.