Pagina:Saul.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 SAUL

Io no, non bramo il morir tuo: felice
Vivi; vivi, se il puoi; bastami solo
35 Di rimaner per sempre col mio sposo....
Deh! vieni or dunque; andiamo....

DAVID

Oh quanto duolmi
Lasciar la pugna! Ignota voce io sento
Gridarmi in cor: „Giunto è il terribil giorno
„Ad Israéle, ed al suo re.„... Potessi!...
40 Ma no: qui sparso di sacri ministri
Fu l’innocente sangue: impuro è il campo,
Contaminato è il suolo; orror ne sente
Iddio: pugnar non può qui omai più David. —
Ceder dunque per ora al timor tuo
45 Emmi mestiero, ed all’amor tuo scaltro. —
Ma tu, pur cedi al mio.... Deh! sol mi lascia....

MICOL

Ch’io ti lasci? Pel lembo, ecco ti afferro;
Da te mai più, no, non mi stacco....

DAVID

Ah! m’odi.
Male agguagliar tuoi tardi passi a’ miei
50 Potresti: aspri sentier di sterpi e sassi
Convien ch’io calchi con veloci piante,
A pormi in salvo, poichè il vuoi. Deh! come
I piè tuoi molli a strazio inusitato
Regger potranno? Infra deserti sola