Pagina:Saul.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO V. 79

55 Ch’io ti abbandoni mai? Ben vedi; tosto,
Per tua cagion, scoperto io fora: entrambi
Alla temuta ira del re davanti
Tosto or saremmo ricondotti.... Oh cielo!
Solo in pensarvi, io fremo.... E poniam anco,
60 Che si fuggisse; al padre egro dolente
Tor ti poss’io? Di guerra infra le angosce,
Fuor di sua reggia ei sta: dolcezza alcuna
Pur gli fa d’uopo al mesto antico. Ah! resta
Al suo pianto, al dolore, al furor suo.
65 Tu sola il plachi; e tu lo servi, e il tieni
Tu sola in vita. Ei mi vuol spento; io ’l voglio
Salvo, felice, e vincitor:... ma, tremo
Oggi per lui. — Tu, pria che sposa, figlia
Eri, nè amarmi, oltre il dover ti lice.
70 Pur ch’io scampi; che brami altro per ora?
Non t’involare al già abbastanza afflitto
Misero padre. Appena giunto in salvo,
Io ten faro volar l’avviso; in breve
Riuniremci, spero. Or, se mi dolga
75 Di abbandonarti, il pensa.... Eppure,... ahi lasso!...
Come?...

MICOL

Ahi me lassa!... e ch’io ti perda ancora?...
Ai passati travagli, alla vagante
Vita, ai perigli, alle solinghe grotte,
Lasciarti or solo ritornare?... Ah! s’io