Pagina:Scarselli - Nelle solenni esequie del celebre filosofo e medico bolognese Giacomo Bartolomeo Beccari - 1766.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

5

mostrano i Cittadini, e per l’onor, che le rendono i suoi Alunni, ed Amici4; io non dubito, Uditori veneratissimi, che non sia per appagarsene grandemente, e voglio ancor lusingarmi, che sia per ascoltare senza sdegnarsene le sue lodi, purchè in esse non i lumi soltanto, e gli ornamenti di sua dottrina, ma l’uso più tosto, ed il fine se ne commendino, onde sì grata divenne, e sì giovevole agli uomini, e sì pura comparve, e sì pregevole nel divino cospetto. Or questa appunto è la traccia, che di seguir mi propongo nel mio ragionamento, come seguilla avvedutamente il Beccari nella coltura, e direzion degli studj, e nella produzione, e propagazion delle scienze; a Lui non bastando, e quasi non curandosi di esser dotto, se tale non era ad ammaestramento, e profitto della società, a comodo, ed onor della Patria, ad eccitamento, e sostegno della virtù. Così la triplice immagine, che sin da prima additai, di eccellente Maestro, di ottimo Cittadino, di virtuoso Cristiano rappresenta, se io non erro, il ritratto, che lo somiglia, e intero forma il carattere, che lo distingue. Che se dell’ultimo di questi pregi, dico di virtuoso Cristiano, i malvagi per avventura, e gl’increduli, quasi di volgar cosa e leggiera, si rideranno; io so bene, che i savj e costumati Cattolici alla dignità renderanno, ed alla importanza di esso approvazione ed applauso; e cotesta pia, erudita, e nobil corona di Ascoltatori sarà senza dubbio a compiacersi la prima, che la vera Sapienza, a vista di un esempio sì luminoso, nella religione, e nella pietà si glorifichi, e la falsa all’incontro nell’orgoglio, e nell’error si confonda.

Quantunque al conoscimento del vero tutti aspirino gli umani intelletti, e tutti alla ricerca di esso bramosamente rivolgansi; non a tutti però, sia per difetto d’ingegno, o sia per mancanza di studio, egualmente avviene di ritrovarlo. Nè può in oltre l’ingegno da se medesimo sollevarsi ad alte e difficili indagini, nè può accompagnarlo utilmente, e secondarlo lo studio, se a sostegno dell’uno, ed a conforto dell’altro la direzione, ed il favor non si aggiunga di saggio,