Pagina:Scienza - Li Meravigliosi Secreti di Medicina, 1618.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


tjo lECRÉTI, Oglìo qu’afi Amile al fdpradetto, eh) amato ba iamo > eli può fare in vrt quartod’hora: § vfaàdolo vedrete cofe marauiglìoi^ * Cap a XXV li U C Qn questo ogìio parimente ho vifto guarii molte infermità, leqifalifipuòdirefojjh dìfpemte,atrofi che erano abandonate da tutti medicitijjuettó babbitimp prohato più volte ni li estremi dolori defligmture, e netti tumorbou s to inflazioni di tutto l còrpo.E di più uidico infognai a fare detto balfamo ad vna donnapo uva e care a di famiglia, chiamata Giulia, laqui le cdtaua,e fonava, £ pater viucrc,fe ne arida, i j con i fuoi figlwolinii e col manto péri It4m i i i ìp *ìsint r rf> alto OwM il ’ onero eooojitiarie,)otto u nome m- • nòìiro tornando p fine a ^m^ingratiddomtdeLfi Balfa- no già fatto,.mi.dijfe.bauere vislo fkn Cèfi anr. moa eolofe,£ftupendacoriqueftoAoftrobaljarnp • e in fede di ciò mi dicena che doim.nque ella rito? nana,da ogni uno fMtàgli era. dimMm dtf Osriipò fio-miracolo balfamot per ile/)e ’veramente licione foRe fegno maniféfiò’daM^fuaperfetmne* ’ fìro bai lere dunque comporre cofa tanto premjài W ~ m ° ‘ Tifino-et 0 ncie.q^^kttem^Mae^ Jm onde due di Cera -èrnia,& alle volte fipu: mettere della cera rla < -per variare tl colore^ dettò balfamo:-di sfatta epe..fira lacerna A ginn*