Pagina:Sella - Plico del fotografo.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234 chimica fotografica

sesquiossido o di ossido di cromo, e la reazione di questa immagine col solfato di ferro sembra dover essere espressa dalla forinola seguente:

CrO.Cr’O 5 -»-2FeO,So 5 =2(CrO,So 5 ) -+-CrO,Fe, 0 5

e quest’ultimo sale deve essere quello che rimane sul disegno, e che al contatto dell’acido gallico prende la tinta nera.

BIOSSALATO DI POTASSA.

È un sale molto utile per levare le macchie prodotte dalle soluzioni dei sali di ferro. La formola della sua composizione è K.0,C’0, -’-H0,C f 0, +8H0, il suo equivalente è <47. Si scioglie in 6 parti di acqua bollente ed in 40 parti di acqua fredda. Nel togliere le macchie di ossido di ferro forma un ossalato doppio solubile.

BROMO.

È liquido, rosso bruno, puzzolente, velenoso. L’acqua ne scioglie circa ^ del suo peso. La soluzione freddandosi depone un idrato di bromo solido Br-’-IOHO, e venendo esposta ai raggi del sole si decompone, si scinde in acido bromoidrico ed acido bromico. L’alcool ne scioglie una quantità molto più grande, e l’etere lo scioglie in tutte le proporzioni. La sua densità è circa 3. Spande vapori della densità di 5,40 bolle a -+-47" centigradi, si solidifica a — 25". Distrugge le materie coloranti, colora in arancio l’amido, intacca i metalli.

Il bromo viene cacciato dalle sue combinazioni dal cloro, ma esso scaccia il iodio, perchè questo è più debole del bromo, il bromo più debole del cloro.