Pagina:Sella - Plico del fotografo.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 chimica fotografica

CHIMICA FOTOGRAFICA

GRADI

DELL’ AREOMETRO

QUANTITÀ DI SALE

CONTENUTO

IN UN LITRO DI SOLUZIONE

i

25, <95

1,75

41,047

2

50,390

3

75.585

4

<00.780

5

<25,976

6

Ibi, 171 <76,366

7

8

201,561

9

226,757

251,952

to

to,t

259.920

. 

CLORURO DORO.

Il cloruro d’oro del fotografo è un percloruro AuCl 8, oppure Au’Cl 8, secondi) il modo di considerare l’atomo dell’oro, il suo equivalente è 308. Quando è secco è in forma di cristalli aranci, deliquescenti, fusibili, decomponibili dal calore, e dalla luce. La sua soluzione nell’acqua è gialla quando è dilungata, ed è rubiconda quando è concentrata. È naturalmente acido verso le carte reagenti per causa della grande quantità di cloro che contiene in combinazione. Il cloruro d’oro del commercio contiene d’ordinario dell’acido cloroidrico libero. Il carbone, il prolosolfato di ferro, il prolocloruro di stagno, l’acido solforoso e molli acidi vegetali lo decompongono, ne precipitano l’oro allo stato metallico. È solubile nell’alcool e nell’etere.

Col nitrato d’argento forma un precipitato di cloruro d’argento e di ossido d’oro. Coll’ammoniaca produce un composto esplosivo, l’oro fulminante. Coll’iposolfito di soda forma il sale doppio, che serve a fissare e colorare le prove, la reazione è