Pagina:Sella - Plico del fotografo.djvu/284

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 chimica fotografica

di argento viene così cambiato in stato metallico in formi di una polvere grigio-nera; si eslrae la lamina di zinco, si lava con acqua il miscuglio, e poscia si aggiunge una nuovà quantità di acido solforico dilungato per sciogliere le particelle di zinco che possono trovarsi mescolate colla polvere, e si termina lavando ripetutamente con acqua sino a che questa non formi più alcun precipitato con carbonaio di soda. La polvere o deposito grigio rimanente nella capsula sarà argento puro. Questo, sciolto nell’acido nitrico nel modo sopraddetto, produce il nitrato di argento puro. L’argento di copella produce coll’acido nitrico del nitrato leggermente colorato in bruno per alcune traecie di Terrò. Se si lava questo nitrato con acido nitrico concentrato, il nitrato si ottiene di una perfetta candidezza come quello che si trova in commercio. Questo acido, che ha lavato il nitrato, può servire alla preparazione di altro nitrato, ed il sale lavato con questo acido si fa ben sgocciolare e poi si scioglie con acqua per farlo nuovamente cristallizzare, e così liberarlo dall’eccesso di acido che naturalmente contiene. Si potrebbe anche riscaldarlo per lungo tempo al calore un po’ superiore a quello dell’acqua bollente per scacciare l’acido che esso contiene.

b Proprietà fotografiche del nitrato di argento. Questo sale ha la facoltà di potere da se solo rendere fotogratica la carta sopra cui si stende, senza che questa abbia previamente ricevuto alcun’altra preparazione, e questa sua facoltà deriva da ciò che il nitrato di argento in contatto delle sostanze organiche tende a decomporsi, principalmente in presenza della luce. La carta nitralala non potrebbe servire per prove negative prese nella camera oscura, perchè non è abbastanza sensibile, ma vuoisi che corrisponda assai bene impiegandola per positive nella pressa a copiare, ed ha questo di vantaggioso sopra ogni altra carta resa fotogenica, cioè di dare delle positive che si lasciano fissare perfettamente con semplici lavature nell’acqua calda.

Le soluzioni del nitrato di argento sotto l’influenza della luce macchiano la pelle e la biancheria in nero solido Perciò il nitrato di argento forma la base dell’inchiostro per marcare la tela di linò o di cotone. Un tale inchiostro si potrebbe molto