Pagina:Senofonte.djvu/311

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


seguitano, facciano ancor essi bella mostra. Però se quel cavallo il quale vien tenuto fra tutti gli altri il primo andarà innanzi agli altri in questa forma, non facendo quasi mai altro che maneggiarsi altissimo da terra, non solamente egli caminerà più lento; ma eziandio bisognerà che gli altri lo seguano passo passo; cosa che non è punto bella da vedere. Nondimeno se il Capitano spingerà il cavallo non presto, nè tardo fuori di misura; ma in guisa tale che gli altri li quali tengono dietro a lui, per questa cagione si mostrino animosissimi e terribilissimi, e nel travagliarsi leggiadri e ben disposti; allora si sentirà l’anitrir e lo sbuffar de’ cavalli; e così non solamente egli; ma tutta la compagnia sarà bella da vedere. Dunque se uno averà buona fortuna in comperare il cavallo, e lo allevi in modo che sia bastante a comportare ogni sorte di fatiche, e se ne serva convenevolmente così nelle cose di guerra, come nel far la mostra del suo maneggio, ed anco negli abbattimenti da scherzo; che cosa [per mia fè] potrà vietargli che egli non faccia riuscire il cavallo di maggior prezzo, che quando gli venne alle mani, e non abbia cavalli eccellentissimi, e non porti il vanto fra tutti gli altri cavalcatori, se il favor di Dio non gli manca?[Quali debbano essere le armi d'un soldato] Voglio anco far menzione dell’armi che fanno bisogno per armarsi a colui che vuol far professione di soldato a cavallo. Dunque prima d’ognaltra cosa il conforto a mettersi indosso una corazza, o armatura che gli stia comoda e bene alla persona; perche quella armatura che è proporzionata è sostenuta da tutto il busto; ma quella che è troppo larga, solamente dalle spalle; e quella che è troppo stretta, si può dir piuttosto legame che armatura. E conciosiache anco il collo sia una parte delle vitali; però voglio che anco a questo si faccia una gorgiera di piastre che lo copra; perche ella non solamente adornerà il cavaliere, ma quando sia fatta convenevolmente potrà, parendoci così, coprirci la faccia sin al naso. Io lodo sopra ognaltra cosa quella sorte di celate che si fannno in Beozia; perche elle coprono eccellentissimamente tutte quelle parti che giacciono fuor della corazza sopra il busto e lasciano la vista libera. La corazza sia lavorata con tal maestria che ella non impedisca nè il sedere nè il piegarsi. Si guerniscano poi le anguinaglie, e le parti men che oneste di tante ali e così fatte che le coprano tutte. Ma perche quando la man sinistra del cavaliere è indebolita egli non può adoperarsi, io lodo quella invenzione d’armatura per coprirla che si dice manopola e bracciale, perche ella ripara non solamente la spalla, ma il braccio ed il gombito, ed anco le dita medesime le quali tengono le redine,