Pagina:Senofonte L Economico tradotto da Girolamo Fiorenzi Tipografia Nobili 1825.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

5I

di sovvenirmi, le ragionai intorno alla necessità di doversi tenere ordinate tulle le noetre masserizie.


CAPITOLO IX.


Or bene, le dissi, ti parve egli, o Iscomaco, che la tua donna ponesse mente a quello, che tu con tanto studio le andavi dimostrando? Ben ti so dire, rispose, che essa il fece, poichè mi promise, che di ciò ne avrebbe avuto cura, e si pareva assai lieta di aver trovata la via di venirne da un grave disagio ad una grande commodità: e mi pregò che quanto prima 1e ordinassi quelle cose che io le aveva detto. In qual maniera adunque, o Iscomaco, dissi, tu gliele ordinasti? Prima di tutto mi parve di doverle dimostrare quale si fosse la nostra casa, poichè, o Socrate, non è essa già abbellita con vani adornamenti, ma tutta è stata fabbricata con questa considerazione, che ogni sua parte fosse i1 più che si potesse appropriata a quello a cui si destinava, di maniera che ogni luogo sembrasse quasi richiedere quelle cose che vi si dovevano collocare. Perocchè il talamo standosi nel luogo il più riposto, e sicuro, chiama a se il vasellame, e i mobili di maggior pregio, le parti asciutte, che sono sotto i1 tetto il grano, e le ventilate i1 vino, e quelle che sono bene illuminate, si