Pagina:Sentenza Tribunale di Milano - Caso Mills.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


il 14 novembre 1996 presso gli uffici della fiduciaria Bonzanigo, a Ginevra, ed aveva portato al rinvenimento dei dossiers relativi, fra l’altro, a Century One Entertainment e Universal One.

Si tratta delle “Risoluzioni” con le quali il 25 giugno 1991 veniva conferita a Paolo del Bue la “General Power of Attorney” per entrambe le Società, e della nota dello studio Carnelutti a Bonzanigo, datata 28 giugno 1991, relativa alla nomina del direttore delle medesime società.

Seguono i contratti preliminari di compravendita di azioni fra Holding Italiana Prima s.p.a. (con la firma, per essa, di Luigi Foscale: si rilegga – in relazione alla proprietà delle società Holding Italiana – quanto scritto nella nota 11 del precedente capitolo) e ciascuna delle due società (del 31 dicembre 1990); i documenti relativi alla apertura dei conti correnti delle società domiciliate nelle British Virgin Islands, con potere di firma individuale a Paolo Del Bue (del 21 e 28 giugno 1991).

Segue altresì, di evidente interesse in questa sede, la certificazione relativa al capitale, alla sede di registrazione, al nome del direttore e quant’altro, compreso il “Certificato di incorporazione”, in cui si dà atto della precedente denominazione (Principal Television Ltd., già Accent Investments Ltd. quanto a Century One, e già Timor Holdings Ltd quanto a Universal One). Tali due ultime certificazioni sono firmate da David Mills e datate 21 giugno 1991.

È documentata in atti l’entità dei prelievi in contanti effettuati negli anni 1991-1994 sui conti di ciascuna società: quasi 71 miliardi di lire italiane sul conto di Century One, oltre 32 miliardi di lire italiane su quello di Universal One. I relativi “giustificativi” il 3 gennaio 2002 furono trasmessi all’Autorità Giudiziaria elvetica nell’ambito della commissione rogatoriale in corso.


Fra i documenti acquisiti vi sono anche un grafico manoscritto e una proposta di struttura di ciascuna holding (“PROPOSED HOLDING STRUCTURE”).

Nel grafico sono indicati i beneficiari di Volcameh Trust (P.S.B) e Muesta Trust (M.B), ed il percorso attraverso il quale da ciascuno di essi si arrivava, rispettivamente, a Universal One (già Principal Television Ltd., già Timor Holdings Ltd) e Century One (già Principal Television Ltd., già Accent Investments Ltd.).

Nel documento “PROPOSED HOLDING STRUCTURE” si legge fra l’altro:

“l. Devono essere create due strutture identiche, una per il figlio A e una per il figlio B.

2. Ogni struttura sarà composta da una società residente alle Isole Vergini Britanniche (che acquisterà le azioni delle società italiane) posseduta al 100% da una società irlandese non residente. Le azioni di ogni società irlandese verranno detenute da una trust company separata residente in Guernsey. Le <trust companies> verranno create ad hoc. Le azioni di ogni società saranno detenute nella forma di uno <strict trust> per X, per l'intera durata della sua vita, e successivamente per un figlio.