Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 Il perfettissimo amante


ste qualità gli venivano dall’amore e all’amore servivano.

— I pericoli sono stati grandi?

— Grandi e imminenti. Non li ha curati. Era un uomo che credeva nell’amore.

— Tanto pochi uomini ci credono!... — osservò tristamente Maddalena Herz.

— E pochissime donne. Neanche io. Vedi! È lui che mi ha ispirata questa fede.

— Chi ha fede, non naufraga: ma tanta gente affonda.

— Perchè non ha intesa la parola salvatrice; io l’ho udita.

— Beata te! Se fosse accaduto uno scandalo, che avresti tu fatto?

— Eravamo decisi. O lo scandalo era grave e allora saremmo morti insieme: o lo scandalo era ridicolo, e saremmo andati via insieme.

— Morire? Avete parlato di morte?

— Sì, si è parlato di morte, — disse Beatrice, a voce più bassa, chinando il capo.

— Egli era pronto a dar la vita, per te?

— Pronto. E io per lui.