Pagina:Serao - Il romanzo della fanciulla, R. Bemporad & figlio, Firenze, 1921.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
274 non più


piccolo pugno sulla ringhiera della loggetta. Chiarina li guardava, con una malizia affettuosa negli occhi, tenendo sospeso l’uncinetto e giocando col filo.

Federico avea acceso un sigaro, fumava, guardando in aria.

Dietro la persiana. Emma Demartino guardava i due innamorati bizzosi: non così, forse, nel tempo lontano, litigavano dolcissimamente con Carluccio Scoppa? Le mani molli le erano cascate in grembo, smorte sul vestito bruno di lana, e il gomitolo del filo era caduto per terra: il gatto, il vecchio gatto rosso e grasso, arrotolato, sonnacchioso, egoista, non si degnava neppure di scherzare col gomitolo.

— Mimì, — chiamò Federico.

Quella non rispose, scrollando le spalle.

— Non far la capriccios,. Mimì; lo sai che ti voglio bene, — e queste ultime parole le disse piano, guardandosi intorno.

— Stt! — disse lei, mettendosi un dito sulle labbra, ma con la fisonomia già rasserenata.

— Perchè?

— Ti possono sentire.

— Chi vuoi che senta? Tutti dormono a quest’ora.

— Se mammà viene a sapere che io parlo con te, di qui, ogni giorno, non mi manda più da Chiarina e mi chiude in camera.

— Per carità, come faremmo?

— Moriremmo, — esclamò tragicamente la biondina.

— Ma che!

— Certo: io sarei capace di buttarmi nel pozzo,