Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

alfredo panzini 113

è la sua propria vita, naturale espressione del suo spirito, è il soliloquio e la meditazione.

La novella sua par che non trovi in sè sola consistenza; i suoi personaggi sono ligure e proli li segnati con rapida bravura più assai che creature parlanti. Curioso per un momento della loro l’orma, egli le abbandona presto per ritornale sopra sò stesso; e se pare che più a lungo le accompagni nei loro movimenti, si trova poi che è mia illusione. Non a caso i suoi dialoghi sono così stilizzati e generici; quasi tutti trascritti in l’orma impersonale, con le parole e le cadenze dell’autore. Egli non è mai osservatore schietto del vero; ne conosce soltanto quella parte che ha, potuto appropriarsi e ricavare dall’interno suo.

E quella parte della sua opera che vorrebbe* essere più schiettamente narrativa ò la più insipida. Penso a. molte novelle sparse, e al volume dei Trionfi di donna, che doveva essere neJl’intenzione sua rappresentativo delle varie e nuove ligure della donna moderna; ma ò, fuor che in qualche bozzetto e spunto descrittivo, cosa assai fredda; manca di penetrazione e di rilievo; c’è qualche cosa di vivo in quei personaggi maschili che rappresentano l’autore, la sua timidezza e la curiosità, ma anche questa parte, in sè più sentita, non è fusa bene con le altre assai banali.

Le cose migliori le abbiamo accennate: e ricorderò soltanto, che dimostrano l’ultima e più sicura maniera, due novelle della N. A. La casa delle vecchie è la cronaca di una delle dimore del Panzini inquilino milanese; il centro del racconto, in piena luce, è la camera del professore; intorno i suoi pensieri e i suoi bimbi; più lontano, nella penombra della scala e dei pianerottoli bui, passano come larve silenziose queste figure