Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Il INGH AZI AMENTO A UNA 1SAI.T.ATA DI I*. FORT 207 Tutto mi piace ugualmente e non rinuussio a nulla. Una stessa avidità di passione curiosa e irrequieta assorbe il dolore e il tormento e scam¬ bia il passato con l’avvenire; le pene somigliano alle illusioni e le speranze ai ricordi, e tutto è desiderio che passa e non si consuma nel mio cuo¬ re, dolcezza ambigua e perpetua sulla mia bocca ; carezza dei capelli sfiorati e disciolti, urto di carne ribelle, odore di ignoto, soffio irritante e fuggente. Sorgono una dopo l’altra le forme leggere, coinè se ogni battito del sangue dentro le tempie ne creasse a ogni attimo una, a cui correre incontro senza lasciare l’altra nè l'altra; e tutte si sciol¬ gono, sono presenti insieme, sospese suU'anima come il miraggio che sempre si dilata, tutte pre¬ mono e mormorano e vanno nella corrente silen¬ ziosa e dolce. Tassano le ore, i giorni, gli anni : non so più ila (piando. Ci devono essere tante cose dietro di me, che mi aspettano forse; pendono e ondeggiano nella memoria come i brandelli di una tela non compiuta. Ma tutto è interrotto, sospeso, disciolto nella dolcezza del vivere, così uguale e cosi piana nel suo liquido velo, che alla line non ne resta nulla fra le mani che vorrebbero stringerla. Mi vesta lo sbattimento vago e doloroso degli occhi che devono ingranarsi con la realtà, e il vuoto e la stanchezza di questo minuto. Stanco di esser contento. Stanco di lasciarmi trasportare da questa dolcezza irresistibile e stu¬ pida, che sorge senza ragione e mi trasporta senza mutamento e ini fa godere di tutto, anche del mio male, e mi impedisce di conoscerlo e di averlo per me. Mi impedisce perfino di essere triste; mi con¬ cede solo questo peso amaro e vano, che conserva un gusto di cenere e di piacere, questo bruciore