Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/417

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCRITTI Hi RKNATO SICURA egli trovi di colpo il punto di vista più giusto per osservare il lavoro artistico, con una autorità che sorprende — coinè quando trovò il principio della prosa dannunziana nell'indifferenza sonora di uno schema dattilico — poi, seguitando, si vede che la sua giustezza è generica ; la citazione, la distin¬ zione che tenta fra il hello e il brutto, rivelano una goffaggine di principiante. In ciò egli rappresenta alla perfezione questo tipo di critica, che è solo un atteggiamento, una impostazione di problemi. Anche la sua carriera è, come si dice, rappresentativa. Cominciò a imitare D’Annunzio e poi l'ha ne¬ gato. sforzandosi di superarlo; si è nutrito lun¬ gamente di Croce, e poi se ne è staccato quasi per un effetto di maturata individualità; ma anche oggi, a considerar bene, non c’è altro in lui che Croce e D’Annunzio, come ieri, come sempre. Questa è stata fin dal principio la sua forza e il suo difetto. Croce e D’Annunzio sono stati i suoi maestri di scuola; egli arrivò subito a capire che l’ultima parola del pensiero e dell’arte era in loro; e si diede a imitarli, a gareggiar quasi con loro, con quella facilità di certi ingegni, che ar¬ rivano subito a una relativa e pericolosa perfe¬ zione. E il tarlo di queste educazioni letterarie mo¬ derne, che cominciano dalla fine; s’attaccano ad¬ dirittura al lirismo, all'originalità, alla grandezza autentica : e, naturalmente, cambiali tutto in re¬ torica. Così accade che Iiorgese sia l'uomo di tutte le qualità approssimative; dà l’illusione di molti cloni dell’arte e dell’intelligenza, e in fondo non ne possiede interamente nessuno. 11 suo modo di scrivere, anche al ili fuori del¬