Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/418

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I,R METTERE 371 l'abilità puramente giornalistica (pochi sanno in¬ cominciare e troncare l'articolo come Ini ; a squilli di tromba), ha un’ellicacda innegabile; è ricco, robusto, corrente, con una felicità verbale precisa e immaginosa, una varietà di effetti drammatici e ironici e austera, una potenza di antitesi e di metafore che fremono nella compagine sonora e serrata dei periodi. .Ma ciò è falso e vuoto; è un’illusione creata dalla foga oratoria, tutta tesa ugualmente dal principio alla line, che trascina il lettore e gli impedisce quasi di avvertire il cattivo gusto, la banalità, la sfacciataggine di quella roba, che sta insieme e si regge per virtù del fragore, come le note di una cattiva fanfara : linchè cammina, non ci si bada. Egli ha uno stampo per coniar la metafora (che di solito è materiale e precisa, quasi per con¬ trasto con le sfumature spirituali che deve espri¬ mere: carne, frutti, pitture, congegni meccanici e simili), come ne ha uno per l'antitesi letica), e ha uno schema per il periodo; l’apparenza è buo¬ na, moderna; ma l'effetto è sempre meccanico. Allo stesso modo la sua potenza di congegnare delle tragedie spirituali e di «inquadrar nella storia » si riduce a una abilità puramente mate¬ riale e terribilmente monotona ; e i caratteri più superficiali, pratici, moralistici dell’opera d’arte gli servono a questo scopo bene e meglio che le qualità essenziali ; del resto, egli raccoglie senza differenza le line e gli altri in certe formule di una facilità superba, e il dramma è bell’e fatto, svi¬ luppato, dedotto, con una vivacità dialettica, che fa scordare tutto. Ma anche questa è più curia¬ lesca che profonda; è una forza che urge e che stringe, e si esaurisce nell’effetto che ha cercato.