Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/473

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


42(> notizia si um scurrri 01 bicnato serra non importa » ( Hp., 2.'!X). Il li febbraio dell'unno suddetto eoniunica a ll'Auibrosini che lavora intorno uU'argouieuto giìi annunziato : «Ora son dietro, anzi ho giù fatto ina ini tocca di farne due puntate, squarciando e mutando, — son dietro a l'ascoli. Sarà una cosa arida e fastidiosa; ma non volgare. Mi è mancato il tempo di cavar fuori lo studio. Ma |>er la Itoin. è anche troppo» (Hp., 24.'!). Il discorso sul Pascoli continua ancora in una let¬ tera della Pasqua 1909, scrllta a riinio Carli, che al Ce¬ sellate era stato comimgno carissimo uei 1!MI7-0S, anno «li Perfezionamento all’Istituto di studi superiori di Fi¬ renze: «Te ne manderò [della Romagna, «la quale ac¬ cenna a diventare un po’ meno clandestina »] fra qualche giorno ilue fascicoli in cui è uno studio mio sul Pascoli e varie altre cosette; della prima puntata m'hanno scritto parecchi, fra gli altri Prezzolini (quello delia ì'ocr) da Firenze, con parole e profferte in vero troppo grandi, ma con una simpatia che m’ha fatto piacere» (/•'/>., 259-80). Siccome poi l,a Romaijna era spesso nelle sue pubbli¬ cazioni arretrata e, qualche volta, di parecchio, cosi il Serra non possedeva altro In aprile che il fascicolo ilei febbraio 1!K1!), come si rileva dalla promessa die fa al Carli, e soprattutto dalla lettera del (i aprile all’Ambro- sini : « Quanto a me, io ti ringrazio molto del buon viso che hai fatto al mio P. ; poiché vedo che ti fa piacere, ti manderò le bozze della 2* parte e vedremo di farne qual¬ che cosa meno indegna delie tue accoglienze. Forse forse, anch'io comincio a prenderci gusto. Ma non è questo il lavoro in cui io mi possa sfogare a pieno» (Ep.. 268).. Intanto all’Ambrosini stesso, che lo sollecitava da Firenze, il 2S aprile rispondeva il Serra in un poscritto: « Pubblicare sulla Voce qualche cosa del mio Pasc. ? Non solo non mi dispiacerebbe, ina l’avrei caro. Tuttavia, non credo che nella 2* puntata ci sien pagine che si [kis¬ sano staccare si da render piena la misura del mio la¬ voro, Io sono prolisso, ondeggiante, timido e disuguali* •