Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/474

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTIZIA SIUI.l SCRITTI DI RENATO SERRA 427 un iHico per abito naturale, un poco, in lincilo pallilo, per la forza delle circostanze. .Mi dispiacerebbe che il gior¬

nale ci facesse una figura poco bella: le presentazioni

  • rosiiiI : «Non l;’è mica rimasta (niella copia del mio l’tiscoli elle ti spedii V lo non ite Ito altre»). Invece nella lettera sud¬ detti all’Anibrosini si comincia a far parola del volume che doveva pubblicare La Foro: «Prezzolini (che mi¬ gliora a occhio) mi chiede un volumetto iier una sua serie: ristampa di ISeltramelli, Pascoli. Machiavelli: più una cosa inedita: 200 lire. — Quanto mi farebbero bene! Ma mi secca tornar fuori con quella roba oramai vec¬ chia : non è elegante, è contro tutti i miei istinti. Ma 110 una gran paura che Unirò accettando. Gli ho scritto die aspetto il tuo consiglio: mandamene» (Eli., 335). Nello stesso tempo, con lettera del 2 settembre 1010, domandava in proposito consiglio anche al prof. Umilio I.ovarini. suo stimatissimo e amato insegnante d’ila- liano nel Liceo di Cesena : « Ili si offre di ristampare, per una collezione fiorentina, quelle mie note su Bel- tramelli. Pascoli e qualche altra: se vi unissi il Fanzini, e terminassi l’Albertazzi che ho abbozzato ? A T.ei che no sembra?» (Jip.. .337). B finì proprio accettando l’offerta del Prezzolini. Onde il Giovanni Pascoli fu il primo studio dei quat¬ tro compresi nel Quaderno sesto della Foce, 30 dicem¬ bre 1010, Firenze; e il primo del volume I delle Oliere 111 R. 8.. ristampate dalla Soc. An. Ed. La Voce, in Ito- ma 1019, del quale furono tirate copie venticinque su carta distinta numerate, al prezzo di lire 8 ciascuna,