Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/478

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTIZIA sroi.l SCI! ITTI I>1 RENATO SERRA 431 11 1" novembre 3910. essendo già In rivista di Ambro- sini « andata in fumo », Serra scrive del saggio su ri¬ cordato a Benedetto Croce, al quale pare che l'Ambro¬ sio! stesso avesse già inviato il nììhioseritlo serriano (Ep., 347), e lo ringrazia deH'ol'ferta per la stampa pres¬ so Laterza forse ili questo e di altri scritti, ]>er quanto gli riesca Impossibile approfittarne. Intanto si pubblica ne La Voce il saggio, di cui ab¬ biamo parlato, e subito Serra, nello stesso 22 dicembre in cui esce il giornale fiorentino, sente il bisogno di ri¬ volgersi al Croce, come se temesse che qualche cosa po¬ iesse dispiacere al maestro napoletano, poiché egli nello scrivere aveva cercalo di solo rendere quel che sen¬ tiva, senza por mente mal all’effetto o alla risonanza di nessuna parola {Ep., -'1-17) : «Mi son visto sulla Voce d’oggi stampato, con un senso un po’strano. Cerio qual¬ che cosa manca là dentro. L'espressione chiara della mia reverenza e affezione per Lei. Ma non mi dispiace di averla tolta al pascolo del pubblico. Così a me resta più grata; e quanto a I.ei, spero di potergliela mostrare meglio che con un articolo» (Ep., 332). Nella prima quindicina del gennaio Itili, il Croce, in una nota dal titolo: «li Carducci come maestro», comparsa prima ne l.n Tribuna di lioma. poi nc ha Cri- lira, e quindi nel volume Paninit spume, lodava « le belle pagine di Renalo Serra sul Carducci » e le commentava benevolmente con quattro brevissime postille. E il Serra il 15 gennaio 1011 (Ep., .">54-55) ringrazia il Croce delle sue parole, ne accetta le osservazioni e spiega il suo pen¬ siero. lino ad annunziare le Ifetracliilioncs che seguono, nel Quaderno sesto della Voce e nel primo volume della ristampa delle <>pere per cura di Prezzolini, il saggio Per un calulono : « Quelle poche righe che Ella vedrà forse nel quaderno sotto il titolo di re.tructatio mostrano solo il punto a cui io volevo riuscire» (Ep., 355), il 2(i febbraio Itili riscrive al Croce sulle retrucla-