Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/490

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTIZIA SUGLI SCUITTI HI IIKNATO SICURA 443 il volumetto importainissimo, al quale forse l’autore non riconosceva II valore che ebbe e che ha tuttavia, pa- recclii scrissero cordialmente al Serra, come il l>i Gia¬ como. l'Albertazzl, j| Linai i; alcuni si lamentarono, come 11 Cardarelli e pare anche il Cecchi. Del Prezzolili! e ilei Pallini non sapeva, e ne domandava con 1111 senso di incertezza e di dispiacere al De Robertis-, Comunque, dopo la stesura del volumetto, noi sor¬ prendiamo una preziosa confessione sulle labbra di Ser¬ ra, e la partecipa a De Robertis (17 aprile 1911): «Dopo un anno quasi clic non scrivevo una riga, quel volumetto su l'II. (l’oggi m'ha sciolto la 111,1110; e insieme con altre circostanze, pare clic m'abbia ridato l'abitudine e il gu- sto del lavoro preciso, non soltanto fantastico. Questo mi piace ogni e vorrei farlo durare» (Ep.. 494). Ma non durò, che sopravvenne l'ansia e il turba¬ mento e In bufera della guerra: «Qualche cosa arriva anche a me. che mi fa fremere. Non dimenticherò l'im¬ pressione di stamattina: come mi son sentilo sollevare tutto di passione e ili speranza e di 11011 so quale altro istinto profondo, a leggere le notizie - la guerra : e l'Italia svincolala, sembra : e come andrei volentieri in Francia 11 lottare per la mia civiltà! lOcco, m’fc quasi passata la voglia di scrivere» (514-101. «D'altronde lavorare non è possibile; terminare dei saggi critici o delle note letterarie, di cui non potrei nemmeno lilie- raruil stampando, e dovrei tenerli nel cassetto, è cosa die mi disgusta: perdermi in qualche cosa lilla più in¬ tima, non mi riesce » (Ep., 524). Bastano questi brani di lettere a De Kobertis del 1" agosto e del 7 settembre 191 I, per capire Serr;i in quei mesi indimenticabili. 11 volume de Le Lei lare fu ristampato, con l'ag¬ giunta dei frammenti inediti del secondo volume (dei quali noi faremo cenno più avanti) e di 1111 indice ono¬ mastico. nel volume terzo delle Opere ili K. ti. curate dal Prezzolali (Konui-Firenze, 1919-1923).