Pagina:Settembrini, Luigi – Ricordanze della mia vita, Vol. II, 1934 – BEIC 1926650.djvu/126

Da Wikisource.


XXXIII

(Piano d’evasione).

Santo Stefano, 1855
(posteriore al 31 agosto).


Cara mia,1 Ho ricevuto gli aghi e le spille2 che sono di ottima qualitá. Sono giá ben custoditi. Ma non mi hai detto quanto costa la cassa, qual danaro hai speso, e di chi è il prosciutto. Basta: noi abbiamo fatto tutto comune. Ho lette le lettere di Panizzi, quegli è un uomo raro. Nella copia della traduzione che ti mando troverai un mezzo foglio di carta bianca, tu lo scoprirai,3 lo leggerai, e lo manderai subito a Panizzi. 4 Pare che

  1. La seguente lettera e circa altre cinque furono scritte con inchiostro simpatico, ma per non dare sospetti, dalla parte esterna del foglietto, mio padre scriveva una nota di oggetti qualunque e tra questi vi erano alcuni nomi convenzionali che sono:
     Una scatola per la Giulia: significa che nella scatoletta che mandava vi erano lettere importanti.
     Un ricamo disegnato: era lo scritto con inchiostro simpatico.
     Salutami Alberto: guarda nella biancheria e nel lino filato che troverai lettere. [N. di R. S.]
  2. Gli aghi e le spille erano i ferri necessarii per fare un buco nella volta della camera per poter fuggire dall’ergastolo. Quei ferri, per cura dell’amico Cesare Corea, furono posti in una cassa a doppio fondo e poi riempiuta di salami e prosciutti e da mia madre spedita a Santo Stefano. La fuga non avvenne perché il piroscafo, noleggiato da Panizzi, naufragò. [N. di R. S.]
  3. Perché scritto con inchiostro simpatico. [N. di R. S.]
  4. LETTERA DI A. PANIZZI A LUIGI SETTEMBRINI

    istruzioni per la fuga

    Genova, 31 agosto 1855.

    Come si è giá scritto, per poter eseguire il progetto si crede indispensabile di avere un battello a vapore pronto a ricevere le monache  1. L’amico scrivente ha
    1. Mio padre, Silvio Spaventa e Gennaro Placco che doveano fuggire. [Nota di Raffaele Settembrini.]