Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/524

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER BECCAMORTO


 
     Tu ccapischi cor culo, abbi pascenza:
Nun dico questo, ch’averebbe torto.
Bell’e bbono è er mestier der beccamorto
Quanno Iddio vò mmannà la providenza.
              
     Io dico, e sto discorzo è una sentenza,
Che cquanno er tempo de l’istate è scorto,
Sò spicciati1 li cavoli pell’orto, 2
E ssi3 ppoi vôi maggnà mmagni a ccredenza.
              
     Sta Roma è un paesaccio mmaledetto
Dove l’inverno nun ce more un cane,
E tte se tarla puro er cataletto.
              
     Oh vvedi pe abbuscà un boccon de pane
Quanto s’ha da pregà Ddio bbenedetto
Perché illumini medichi e mmammane!


Roma, 23 novembre 1831 – Der medemo

  1. Finiti.
  2. Cioè: “è finita la raccolta, è finito il guadagno„.
  3. Se.