Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 gaspara stampa


CXIX

Si stima avventurata, perchè egli la celebra in versi

     Io non mi voglio piú doler d’Amore,
poi che, quant’ei mi dà doglia e tormento,
tanto il signor, ch’io amo e ch’io pavento,
cerca scrivendo procacciarmi onore.
     O di tutte bellezze e grazie il fiore,
nido di cortesia e d’ardimento,
come posso bramar che resti spento
cosí famoso e cosí chiaro ardore?
     Anzi prego che ’l ciel mi doni vita,
sí che, dovunque il sol nasca e tramonte,
sia la mia fiamma entro tai versi udita;
     e dica alcuna, ove d’amor si conte:
— Ben fu la sorte di costei gradita,
scritta e cantata da sí alto conte.


CXX

La sua gioia non è senza amarezze.

     Se qualche téma talor non turbasse,
o qualche sdegno, il mio felice stato,
sarebbe il piú tranquillo, il piú beato
di qualunque altra donna altr’uomo amasse,
     Ché, s’avien pur che ’l mio signor mi lasse,
talor a qualche degna opra chiamato,
dentro il mio core e bello ed onorato,
qual egli è meco, il suo sembiante stasse;
     sí che avendo mai sempre in compagnia
tutto quel che piú amo e piú mi piace,
turbarmi Amor o sorte non poria,
     s’egli, che nel mio pianto si compiace,
con qualche nova e strana fantasia
non turbasse o rompesse la mia pace.