Pagina:Storia dei collegi elettorali 1848-1897.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 43 —

Arona – Ascoli Piceno.


Legislatura DATA
delle
elezioni
ELETTORI CANDIDATI MOTIVI
della vacanza
del Collegio
iscritti votanti ELETTI Voti NON ELETTI Voti
Collegio uninominale
I
27 aprile 1848 245 1 Albini Pietro, prof. di legge Univ. Torino 1 1 Opzione2
26 giugno » 1 1 Thaon di Revel c.te Ottavio, min. finanze 1 1 Opzione3
30 sett. »
1 ott. »
245 1ª vot. 68
Ball. 43
Manzoni c.te Alessandro. 37
43
De Medici Gabriele, avv. 10
Dimissioni4
6 nov. » 245 84 Mauri Achille, prof. segr. della Consulta Lombarda 83 Corio Emilio. 1
22 genn. 1819 245 112 Mauri Achille, prof. 101 Audisio N., teologo. 8
III 15 luglio 1849
22 » »
288 1ª vot. 119
Ball. 115
Mauri Achille, prof. 95
111
Bossi Pietro, ing. 18
4
Dimissioni5
16 sett. 1849
17 » »
288 1ª vot. 61
Ball. 88
Torelli Luigi, maggiore. 47
57
Levi Davide, avv. 17
30
IV 9 dic. 1849 289 191 Torelli Luigi, maggiore. 122 Robecchi Giuseppe 57
V 8 dic. 1853
11 » »
358 1ª vot. 239
Ball. 284
Torelli Luigi, ex maggiore 115
171
Simonetta Francesco, ing. 82
110
VI 15 nov. 1857
18 » »
330 1ª vot. 256
Ball. 269
Beolchi Carlo, avv. 78
158
Valauri Tommaso, prof. 106
107
VII 25 marzo 1860 442 325 Beolchi Carlo, avv. 161 Jacini Stefano, min. lav. pubb. 112
VIII Cessò di essere capoluogo del Coliegio
(V. Oleggio).
VIII 27 genn. 1861 377 159 Sgariglia c.te Marco. 154 Vecchi Augusto. 4
IX 22 ottobre 1865
29 » »
648 1ª vot. 280
Ball. 277
Sgariglia c.te Marco. 156
173
Vecchi Augusto. 118
103
6
X 10 marzo 1867 653 306 Sgariglia c.te Marco. 236 Vecchi Augusto. 63
XI 20 nov. 1870 855 353 Minghetti Marco. 287 De Dominicis Antonio, avv. 45 Opzione7


  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 Mancano i verbali della elezione.
  2. Optò per Garlasco, 19 maggio 1848.
  3. Optò per Utelle, 6 luglio 1848.
  4. In principio della seduta del 17 ottobre 1848 si dà lettura della lettera colla quale l'on. Manzoni rinunzia al mandato legislativo, Di poi, nella stessa seduta, sulla quistione se si dovesse approvare la di lui elezione, essendo già dimissionario e se, come Lombardo, potesse sedere nel Parlamento Piemontese, la Camera delibera, fra applausi, di convalidare la di lui elezione e di riconoscergli il diritto, quantunque Lombardo, di farne parte. L'on. Manzoni ripete le dimissioni il 21 ottobre 1848, che sono accettate.
  5. Dimissionario, 14 agosto 1849
  6. Dopo una inchiesta amministrativa (della quale fu incaricato un consigliere di Prefettura) su varie irregolarità di procedura, la Camera convalidò l'elezione il 27 gennaio 1866.
  7. Optò per Legnago. 16 dicembre 1870.