Pagina:Storia di Milano I.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Della rovina di Milano sotto l’imperatore Federico I

Il nome di Federigo I imperatore, comunemente conosciuto col soprannome di Barbarossa, non è ignoto a veruno anche del popolo di Milano. Ognuno sa che Milano fu distrutta da lui. Molte favolose tradizioni, come accade, si frammischiarono colla verità. Federico Barbarossa però si ricorda come un barbaro. L’epoca di questo imperatore è stata funesta. Siamo stati avviliti; ma non vili, nè senza gloria. I Romani ebbero due epoche di somma umiliazione; le Forche Caudine e l’invasione de’ Galli. Noi avemmo Uraja e Federico. Gli autori di Germania di que’ tempi ne fanno un eroe; i nostri ne fanno un tiranno. L’unico partito ch’io prendo sarà quello di appoggiare il mio racconto singolarmente agli autori tedeschi che scrivevano in que’ tempi; e credere di Federico I tutto il bene che ne dicono i Milanesi, e tutto il male che ne dicono i Tedeschi. I primi autori che mi serviranno di guida, saranno Ottone, vescovo di Frisinga, figlio di Leopoldo Pio, marchese d’Austria, e zio paterno dello stesso imperatore Federico; il quale, come esercitato, quanto in que’ tempi potevasi, nelle lettere latine, scrisse i fasti del nipote, da lui animato a farlo: l’altro sarà il canonico di Frisinga Radevico, il quale, per ordine dello stesso imperatore, continuò que’ fasti dopo la morte del vescovo Ottone. Ivi si legge la lettera