Pagina:Storia di Milano I.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Umiliazione dell’Imperatore Federico, e stabilimento d’un sistema politico

Alessandro III godeva il favore della Francia e dell’Inghilterra; presso di lui erasi ricoverato il nostro arcivescovo Oberto da Pirovano, prima dell’eccidio della patria; e l’imperatore Federico, all’incontro, sosteneva il partito dell’antipapa. Se la prepotenza de’ Milanesi aveva destata l’invidia e l’odio universale, l’estrema loro oppressione aveva cominciato a farvi sostituire la pietà. Le città tutte del regno d’Italia s’accorgevano omai quanto incautamente si fossero abbandonate allo spirito della discordia, e gemevano sotto il giogo de’ ministri imperiali, spogliate delle regalie, e ridotte a sopportare la dispotica dura alterigia di un conquistatore. In questo stato era la Lombardia, quando Alessandro III dalla Francia, ove aveva ritrovato un asilo, passò in Italia l’anno 1165. L’imperator d’Oriente Manuello Comneno era passionatamente animato contro i Tedeschi, i quali, sotto Corrado, erano comparsi ne’ suoi Stati per la Crociata. Guglielmo, re di Sicilia, si collegò col papa e coll’imperatore d’Oriente, e così il papa si avventurò al ritorno nell’Italia. Gl’interessi del papa e quelli delle città lombarde erano i medesimi, cioè di sottrarsi dalla dominazione dispotica dell’imperator Federico. Ma la difficoltà era grandissima, perchè nè Alessandro aveva forze bastanti per iscacciare Federico, nè pareva possibile il formare una lega fra molte città oppresse, dominate e sospettosamente custodite da un terribile vincitore. Secondo tutte le apparenze, queste difficoltà vennero superate coll’opera de’ frati, ai