Pagina:Storia di Milano I.djvu/382

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


vi trasportò un flotta ed un’armata in soccorso. Non però abbandonò sì tosto quell’impresa Marco Visconti; che anzi, avendogli fatto intimare il re che sciogliesse tosto l’assedio, poichè altrimenti sarebbe venuto ad attaccarlo alle porte di Milano, Marco gli fece dire per risposta, che non occorreva andar tanto lontano, giacchè egli era pronto a riceverlo ivi alle porte di Genova. Il re Roberto era collegato col papa; e, portatosi egli in Avignone, Matteo Visconti fu uno de’ principali oggetti che si trattarono in tal conferenza. Egli veniva accusato de pessimis criminibus, et de haeresi, licet non foret noxius. Il cardinale Berengario, vescovo tusculano, fu destinato a formare il processo a Matteo Visconti, ed ivi in Avignone quel cardinale riferì in concistoro, che risultava dall’asserzione di testimonii degni di fede, essere Matteo Visconti gravemente diffamato come reo di sacrilegi, delitti ed eccessi. La fama di tali accuse giunse a Milano; e Matteo, per calmare la procella, cominciò a permettere che frate Aicardo fosse dal clero riconosciuto per arcivescovo; e così rinunziò al dritto acquistato da Giovanni suo figlio, già canonicamente eletto alla medesima sede. (1319) Oltre ciò, volendo dare un pubblico attestato insigne della sua divozione alla Chiesa, ricuperò il rinomatissimo tesoro di Monza, che nei passati guai era stato depositato in pegno al tempo di Napo Torriano; e colle sue mani, la vigilia del Natale dell’anno 1319, lo portò in Monza e lo depositò sull’altare di quella chiesa di San Giovanni. Questo tesoro consisteva in corone e calici d’oro gemmati; e convien dire che fosse veramente