Pagina:Studi storici sul centro di Firenze 1889.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 43 —

X.

Il gruppo di fabbricati che è limitato da Via Porta Rossa, il Chiasso detto dei Ricchi, Via S. Miniato fra le Torri e Pellicceria è fra i più importanti del centro di Firenze.

Importante perchè contiene palagi e torri di alcune fra le più illustri e celebri famiglie dell'antica nobiltà e perchè in molte parti conserva il tipo ed il carattere delle vecchie stradelle e dei fabbricati medioevali. Nell’oscuro e stretto Vicolo degli Erri, nei chiassoli in parte richiusi fra la Piazzola dei Pigli e la parte tergale delle case di Porta Rossa, fra i maestosi resti delle forti torri dei Davanzati, degli Strozzi, dei Cosi, dei Pigli, de’ Malegonnelli, de’ Cocchi, dei Girolami Del Testa, si ritrova il carattere che dovette avere cinque o sei secoli addietro la vecchia Firenze.

In Porta Rossa e nel vicoletto chiamato de’ Ricchi è uno dei palagi dei Davanzati, che nel 1427 apparteneva ad Alessandro di Mariotto1 e conserva in parte l’eleganza purissima delle sue forme. Ha le finestre bifore con un leggiero pilastrino smussato sugli angoli, gli archetti a sesto acuto e sulla facciata, dei resti di graffito. Nè meno elegantemente adorno era nell'interno dove sono da ammirarsi diversi cammini, dei lavabi e delle porte scolpite di pietra serena d’una ammirabile vaghezza di disegno2. Il palazzetto dei Davanzati è fra le fabbriche più originali e più graziose di quel tempo ed è sperabile che nel riordinamento di questo quartiere trovi chi per affetto all’arte lo restituisca alla soave bellezza de’ suoi antichi tempi.

Accanto a quello dei Davanzati, sempre in Porta Rossa, era un altro bel palazzo, diverso per stile, ma non meno importante e pregevole e non meno degno d’esser conservato nel suo severo e maestoso aspetto. Fu dei Cocchi-Compagni, una famiglia nobilissima che in epoca lontana acquistò grandi ricchezze nel commercio. Non fu molto costante però la fortuna della famiglia che nel 1342 fallì e pochi anni dopo perdette anche questi suoi possessi che passarono nei Capitani di Or S. Michele. E difatti lo stemma di essi, colle lettere O. S. M. si vede sulla fac-