Pagina:Studi storici sul centro di Firenze 1889.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 70 —

XIX.

Tre celebri ed illustri famiglie antichissime, signore di logge e di torri, occupavano quasi interamente colle loro fabbriche questo gruppo compreso fra Calimara, Via de’ Calzaioli, allora chiamato Corso o Via de’ Pittori, Piazza di Or San Michele e Via degli Speziali grossi.

Più antichi, e d’una nobiltà che aveva origini remote, scomparsi dalle memorie della nostra storia da sei secoli, erano gli Elisei che si voglion consorti degli Alighieri e che si afferma venissero a Firenze coi coloni romani mandati a popolare la città che sorgeva a’ piedi del colle fiesolano. Erano molto forti le loro case che secondo le antiche memorie si estendevano dal canto di Mercato Vecchio al canto di faccia alla chiesa di S. Maria Nipotecosa.

Degli Elisei era rimasto un ricordo ancora nel XV secolo col nome di chiasso degli Elisei che si dava ancora alla stradella che più tardi da una osteria che vi esisteva si chiamò della Coroncina1. Le loro case però erano già passate in altre mani e le troviamo parte in possesso di un Daniello speziale e parte in quello di altre famiglie e di religiosi.

Quanto alla Via degli Speziali il di lei nome era giustificato dal numero considerevole di botteghe di speziale che fino da tempo immemorabile vi si trovavano. Di queste le più importanti erano quelle della Pina d’Oro & sul Canto di Mercato e quella del Giglio sull’angolo del Corso dei Pittori.

I Macci, altra celebre famiglia, aveva le case fra quelle degli Elisei e Or S. Michele e in mezzo alle loro fabbriche trovavasi come racchiusa una casa che fu la prima residenza dei Capitani del Bigallo ed il grazioso palazzetto stato per tanti anni sede dei consoli e degli uffici dell’arte dei Beccai, la prima e più ricca tra quelle minori.

I Macci ebbero torri, dipoi incorporate nelle successive fabbriche, una loggia assai vasta, una corte o piazza che da loro s’intitolava ed una casa che affittavano ad uso d’albergo e che prima si chiamò del