Pagina:Su la pena dei dissipatori.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

varietà 293

rettamente, l’ipotesi, che la fonte di quella rappresentazione si debba ricercare in un racconto che l’Alighieri colse vivo su le labbra del popolo d’Italia.

E valga il vero, nella cazza di Prenòt troviamo per la prima volta una compagnia di cani, che cacciano soli e tengono nella caccia il primo luogo; senz’esser soltanto scorta alla schiera rumorosa dei cacciatori e delle fiere, come nella gran caccia germanica.

Nè basta: son cani da corsa, neri, come le cagne di Dante; e hanno un carattere diabolico spiccatissimo. Se sian demoni in corpo di cane, o mostri, o altro, la leggenda non precisa; nè men Dante, vedemmo; ma son pur sempre creature, su cui si riflette un bagliore d’inferno. Nè cervi inseguono o cignali, ma sì uomini, e, raggiuntili, li sbranano; e proseguon nella corsa fatale tenendo ognuno tra i denti un brano delle misere carni. Così appunto in Dante.

Tanta somiglianza, che par quasi identità, mal si può credere dovuta a un mero incontro accidentale; e mi pare di poter concludere fin d’ora, che Dante ha fatto uso di questa fonte popolare.

Ma si può chiedere: come Dante ha conosciuto una leggenda veneta e alpina, confinata in un cantuccio fuor di mano della penisola? Potrei rispondere che la sua conservazione in quei luoghi è prova di una diffusione antica molto maggiore, e che, a ogni modo, Dante fu nel Veneto e ivi ne potè aver notizia.

Ma, chi voglia cercare, si può anche rinvenire alcun ricordo medievale della leggenda.

Ricorderò prima di tutto la leggenda di Venere e del cavaliere romano narrata da Guglielmo di Malmesbury1. In essa un giovane, stando di notte a ciel sereno, vede passare una turba scapigliata, a capo della quale è il diavolo (da cui il giovane ottiene quello, che gli abbisogna, porgendogli un foglio senza aprir bocca): alla cavalcata partecipa anche una bella donna, scarmigliata e piangente: ell’è Venere, divenuta demonio.

Ci vuol poco a vedere come questa tregenda assomigli a certe forme della caccia selvatica della Germania. Anche a questa

  1. A. GRAF, Roma, vol. II, al cap. su Gli Dei di Roma, pp. 388-97. È poi vero che Guglielmo non è italiano; ma dà la sua leggenda come italiana; e pare (vedi Graf, loc. cit.) che a prestargli fede non ci siano difficoltà.