Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286

smentiscono la morte di qualcuno, noi diciamo: «Come il povero Copler».

La mattina dopo mi levai con un po’ di male di testa. Mi affannò un poco il mio dolore al fianco, probabilmente perchè, finchè era durato l’effetto del vino, non lo avevo sentito affatto e subito ne avevo perduta l’abitudine. Ma in fondo non ero triste. Augusta contribuì alla mia serenità dicendomi che sarebbe stato male se io non fossi andato a quella cena di nozze, perchè prima del mio arrivo le era sembrato di assistere ad un mortorio. Non avevo dunque da aver rimorso del mio contegno. Poi sentii che una cosa sola non mi era stata perdonata: l’occhiataccia ad Ada!

Quando c’incontrammo nel pomeriggio, Ada mi porse la mano con un’ansietà che aumentò la mia. Forse però le pesava sulla coscienza quella sua fuga ch’era stata tutt’altro che gentile. Ma anche la mia occhiata era stata una gran brutta azione. Ricordavo esattamente il movimento del mio occhio e capivo come non sapesse dimenticare chi ne era stato trafitto. Bisognava riparare con un contegno accuratamente fraterno.

Si dice che quando si soffre per aver bevuto troppo, non ci sia miglior cura che di berne dell’altro. Io, quella mattina, andai a rianimarmi da Carla. Andai da lei proprio col desiderio di vivere più intensamente ed è quello che riconduce all’alcool, ma, camminando verso di lei, avrei desiderato ch’essa m’avesse fornita tutt’altra intensità di vita del giorno prima. Mi accompagnavano dei propositi poco precisi ma tutti onesti. Sapevo di non poter abbandonarla subito, ma potevo avviarmi a quell’atto tanto morale pian pianino. Intanto avrei continuato a parlarle di mia moglie. Senza sorprender-