Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/417

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
414

larmi senz’agitarsi di troppo. Infine disse poche parole: Ada lo faceva soffrire con la sua gelosia.

Egli dunque mi raccontava che discutevano le loro storie intime mentre io pur sapevo che c’era anche quella storia del «conto utili e danni» fra di loro.

Ma pareva che questo non avesse importanza. Me lo diceva lui e lo diceva anche Ada ad Augusta non parlandole d’altro che della sua gelosia. Anche la violenza di quelle discussioni, che lasciava traccie tanto profonde sulla faccia di Guido, faceva credere dicessero il vero.

Invece poi risultò che fra’ due coniugi non si parlò che della questione del denaro. Ada per superbia e per quanto si facesse dirigere dai suoi dolori passionali, non li aveva mai menzionati, e Guido, forse per la coscienza della sua colpa e per quanto sentisse che in Ada imperversasse l’ira della donna, continuò a discutere gli affari come se il resto non esistesse. Egli s’affannò sempre più a correre dietro a quei denari, mentre lei, che non era affatto toccata da quistioni d’affari, protestava contro la proposta di Guido con un solo argomento: i denari dovevano restare ai bambini. E quand’egli trovava altri argomenti, la sua pace, il vantaggio che sarebbe derivato ai bambini stessi dal suo lavoro, la sicurezza di trovarsi in regola con le prescrizioni di legge, essa lo saldava con un duro «No». Ciò esasperava Guido e — come dai bambini — anche il suo desiderio. Ma ambedue — quando ne parlavano ad altri — credevano di essere esatti asserendo di soffrire per amori e gelosie.

Fu una specie di malinteso che m’impedì d’intervenire a tempo per far cessare l’incresciosa quistione del denaro. Io potevo provare a Guido ch’essa effettivamente