Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/465

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
462

per lungo e per largo quanto fino ad allora era stato deciso nell’affare di Guido. La sera prima s’erano divisi circa d’accordo nella convinzione che bisognava salvare quell’uomo che aveva una disdetta disastrosa. Soltanto alla mattina Ada aveva appreso ch’io dovevo collaborare a coprire la perdita di Guido e s’era recisamente rifiutata di accettare. La signora Malfenti la scusava:

— Che vuoi farci? Essa non vuole caricarsi del rimorso di aver impoverita la sua sorella prediletta.

Sul pianerottolo, la signora si fermò per respirare e anche per parlare, e mi disse ridendo che la cosa sarebbe finita senza danno per nessuno. Prima di colazione, lei, Ada e Guido s’erano recati per averne consiglio da un avvocato, vecchio amico di famiglia e ora anche tutore della piccola Anna. L’avvocato aveva detto che non occorreva pagare perchè per legge non vi si era obbligati. Guido s’era vivamente opposto parlando di onore e di dovere, ma senza dubbio, una volta che tutti, compresa Ada, decidevano di non pagare, anche lui avrebbe dovuto rassegnarvisi.

— Ma la sua ditta alla Borsa sarà dichiarata bancarotta? — dissi io perplesso.

— Probabilmente! — disse la signora Malfenti con un sospiro prima d’imprendere la salita dell’ultima scala.

Guido dopo colazione usava di riposare e perciò fummo ricevuti dalla sola Ada in quel salottino ch’io conoscevo tanto bene. Al vedermi essa fu per un istante confusa, per un solo istante, ch’io però afferrai e ritenni, chiaro, evidente, come se la sua confusione mi fosse stata detta. Poi si fece forza e mi stese la mano con un