Pagina:Tarchetti - Paolina, 1875.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

paolina. 175


bianchi di gesso, buttativi dai balconi, guardò il cielo.... era sereno, le stelle brillavano numerose.... egli comprese allora che la natura aveva vinto e che le sue lacrime stavano per prorompere. Ma così.... sulla via.... piangere sulla via! — perocchè egli aveva bisogno di piangere molto, di piangere fino a morirne: — si guardò tutto all’intorno, non vide alcuno: entrò sotto l’atrio di una porta, le cui grandi imposte aperte non erano tanto avvicinate alla parete che non vi potesse stare un uomo celato: egli si nascose in quell’angolo, vi si inginocchiò, vi pregò e vi pianse coll’abbandono di un fanciullo.

Alcune ore dopo nell’uscire s’avvide che era stato altre volte in quella casa, e si rammentò che un suo vecchio compagno d’infanzia, un pittore valente di paesaggio, vi abitava da lungo tempo una soffitta.

Il bisogno di confidenza e di conforto lo spinse a salirvi, e trovò quel suo amico intento ad affastellare alcuni oggetti in un baule e preoccupato da qualche idea profonda e tormentosa.

— Che? sareste voi in procinto di partire? gli chiese Luigi.

— Sì, disse l’altro, e per sempre. L’unico oggetto che mi tenesse ancora allacciato alla vita, mia madre, morì di stenti e di crepacuore in questa soffitta. Che devo io farvi? Non è della gloria che io cercava alla società: era pane, e mi fu rifiutato, perchè le arti e le lettere devono subire in Italia il destino delle povere fanciulle del popolo: devono prostituirsi per vivere.