Pagina:Tasso - Rime d'amore.djvu/425

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 417 —

[382.] 178.


[8-9-15-20-24-29-33-67-141-166-169-181-182-224-260-268 — Fatto spirituale dal Selva


Armo di ghiaccio e inaspro il core e ’l petto,
     E, ritroso al desío, pronto a lo sdegno,
     A l’amoroso agon guardingo io vegno
     4Quasi guerrier pien d’odio e di sospetto:
Ma non sí tosto il vostro dolce aspetto
     Mi s’offre e porge la speranza in pegno,
     Che de l’antico amor conosco il segno
     8Ed ardo, e l’arder m’è gioia e diletto.
Ché immaginata gioia il vero ardore
     Tempra, e l’aure amorose e i dolci fonti
     11Promette lusingando a la mia sete.
E qual egro nel sonno i vaghi e pronti
     Desir par che bevendo in parte acquete,
     14Tal consolo il mio mal d’ombre e d’errore.

Rime di T. Tasso, II. 27