Pagina:Tebaldo e Isolina.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

35

Boe.

Ecco il primier momento,
Dopo sì lunghi affanni,
Che un raggio di contento
Brillando al cor mi va.

stacca la band.

Questa di gloria - Nobile insegna
Alla vittoria - Ci guiderà.
E il nuovo giorno - Ai suo ritorno
Il mio trionfo - Rischiarerà.

Coro

Dunque al cimento. - Alla vittoria
Vendetta e gloria - Ci guiderà.

I Cav. s’uniscono e lo seguono, i Soldati marciano dopo di essi.


SCENA VI.

Sala illuminata da fanali


Isol.

Io più non reggo: è troppo
Atroce insopportabile il mio stato.
Presagj spaventevoli... tremende
Immagini... Il mio cor ch’è crudamente
Stretto da man di ferro... la mia mente,
Che fra gli orror s’esalta, e si figura
L’infelice idol mio
Esule, fra perigli, e forse! - *Oh! quale

* rumore di dentro: tumulto crescente: indi trombe, tamburi.

Tumulto! — e che!... Il segnale

agitata

Questo è d’allarmi... e qual nuova sciagura!...
Oh padre!...

avviandosi, incontrandolo


SCENA VII.

Ermanno, Cavalieri, Soldati, ed Isolina.


Erm.

L’inimico
E’ in Altemburgo:

Isol. E come?...