Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

24

Vittoria, e lo tiene con quella sicurezza e fermezza medesima, con cui Napoleone lo regge e governa. Nella sinistra impugna una grand’asta, simbolo del Trionfo che per ogni dove lo siegue, e mercè cui si rese il mondo soggetto. Un semplice manto, attaccato alla spalla sinistra e scendente fino a terra, senza punto adombrare questa eccelsa figura, le accresce maestà. Napoleone, la sola mente forse di Canova potea concepire la grande anima tua, scolpirla tutta nell’augusto tuo volto, e riunire in quella tacita eloquenza le tue glorie passate, le presenti, ed i felici presagi della tua grandezza futura. Achille ebbe Omero; ma Omero era poeta, ed il poeta è quello che parla. Tu in questo marmo sei grande della tua propria grandezza. Tu solo, parlante e respirante quale ti sculse Canova, Tu solo sarai la prova maggiore ai secoli futuri delle favolose tue gesta.