Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

63

mano, esse hanno un’espressione così piena di grazia e di affetto, che sole basterebbero ad iscuoprirci la tenera Madre d’Amore accarezzante il più vezzoso ed il più amato fra i suoi amanti. Adone, quasi per dirle addio, mentre già muove il passo per andarsene, l’abbraccia poco al di sotto delle reni, e la guarda. Ma che! quel suo braccio non stringe, quel suo sguardo non guarda. Essa respira il più caldo affetto; egli il freddo, ed in tale circostanza ingrato, sentimento della riconoscenza. Questo delizioso gruppo sarà certamente ammirato dai due sessi, ma piacerà meno alle donne. Nè pure in marmo soffrono elleno d’ispirare un sentimento più debole di quello che provano! Se una donna avesse concepito l’idea di questo bel gruppo, egli è certo che Adone avrebbe il sentimento di Venere, e Venere quello di Adone. Viene trovato generalmente che qui la Madre d’Amore, malgrado l’ondular seducente de’ suoi bei muscoli, le forme sovraumane del volto, e l’affetto che si spande dal cuore, e che cotanto un volto abbellisce, piace meno d’Adone. Accaderebbe ciò forse appunto perchè Venere priega? Oh quale lezione per il mio sesso! Donne gentili, quai diverreste voi, se Venere stessa perde delle sue attrattive, pregando!